55 Esperti - Banca d'Italia 2019

Scegli il nostro metodo didattico: simulazioni ed esercitazioni costruite "ad hoc"

Informazioni

Banca D'Italia ha bandito quattro concorsi pubblici per l'assunzione di 55 laureati di vari profili professionali, a tempo indeterminato:

  • 30 Esperti con orientamento nelle discipline economico-aziendali, da destinare in via prevalente alle attività di vigilanza sul sistema bancario e finanziario, a livello centrale e territoriale, e di risoluzione e gestione delle crisi nonché alle attività di prevenzione del riciclaggio e del finanziamento del terrorismo dell’Unità di Informazione Finanziaria per l’Italia;
  • 5 Esperti con orientamento nelle discipline economico-finanziarie, da destinare in via prevalente alle attività connesse con i mercati, i sistemi di pagamento e l’attuazione della politica monetaria;
  • 10 Esperti con orientamento nelle discipline giuridiche;
  • 10 Esperti con orientamento nelle discipline statistiche.

La domanda deve essere presentata entro il termine perentorio delle ore 16:00 del 27 settembre 2019, utilizzando esclusivamente l’applicazione disponibile sul sito internet della Banca d’Italia all’indirizzo www.bancaditalia.it. Non sono ammesse altre forme di presentazione della domanda di partecipazione al concorso.

Requisiti

  • Laurea magistrale/specialistica, conseguita con un punteggio di almeno 105/110;
  • Diploma di laurea di “vecchio ordinamento”, conseguito con un punteggio di almeno 105/110.

Prove preselettive

Per ciascuno dei concorsi la Banca d’Italia procederà a una preselezione mediante test nel caso in cui le relative domande di partecipazione siano superiori alle 2.500 unità.

Il test preselettivo è articolato in due sezioni finalizzate all’accertamento della conoscenza:

  • delle materie previste per la prova scritta;
  • della lingua inglese.

Le prove

Le prove consistono in una prova scritta e in una prova orale sulle materie indicate nei programmi allegati al bando e si svolgono a Roma.

La prova scritta prevede lo svolgimento di quattro quesiti a risposta sintetica sulle materie indicate nei programmi d’esame e di un breve elaborato in lingua inglese su argomenti di attualità sociale ed economica.

I quesiti, che possono avere per oggetto l’esame di un caso pratico, devono essere scelti dal candidato all’interno di una rosa proposta dalla Commissione, secondo quanto specificamente indicato in ciascuno dei programmi allegati. La durata complessiva della prova scritta verrà stabilita da ciascuna Commissione fino a un massimo di cinque ore.

Nella valutazione dei quesiti la Commissione verifica: le conoscenze tecniche (applicazione delle conoscenze generali al caso specifico); la capacità di sintesi; l’attinenza alla traccia (pertinenza, completezza); la chiarezza espressiva (proprietà linguistica; correttezza espositiva); la capacità di argomentare (sviluppo critico delle questioni; qualità delle considerazioni/soluzioni proposte). Nella valutazione dell’elaborato in lingua inglese la Commissione verifica il livello di conoscenza dell’inglese in relazione a un suo utilizzo come strumento di lavoro.

Dei quattro quesiti a risposta sintetica, due saranno proposti della Commissione e scelti tra questi macro argomenti:

  1. Economia degli intermediari e dei mercati finanziari
  2. Contabilità e bilancio
  3. Economia e finanza aziendale

La prova scritta è corretta in forma anonima. Vengono valutate esclusivamente le prove dei candidati che abbiano svolto tutti e quattro i quesiti, secondo le indicazioni del programma.

I quattro quesiti sulle materie del programma sono valutati fino a un massimo di 60 punti, attribuendo a ognuno fino a un massimo di 15 punti. La prova è superata da coloro che ottengono un punteggio di almeno 9 punti in ciascuno dei quesiti; sono, tuttavia, ammessi alla prova orale i candidati che hanno conseguito in uno dei quattro quesiti un punteggio di almeno 6 punti, purché il punteggio complessivo non sia inferiore a 36 punti.

L’elaborato in lingua inglese è corretto solo per i candidati che hanno ottenuto il punteggio minimo complessivo nei quesiti secondo quanto previsto dal comma precedente ed è valutato fino a un massimo di 4 punti.